Edoardo Guazzoni Architetto | SHOWROOM IGUZZINI
architetto Edoardo Guazzoni, studio di architettura Milano, architetto Milano
15657
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-15657,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

SHOWROOM IGUZZINI

LUOGO E DATA

Via San Damiano, Milano, 1996

CON

A. Bortoluzzi

FOTOGRAFO

F. Pollini

Category
Negozi e allestimenti

Una sapiente operazione di recupero ha riportato alla luce le qualità architettoniche di questa antica sostra, luogo deputato al deposito di carbone, in un palazzo originariamente settecentesco ubicato su quella che un tempo era la cerchia dei navigli. Grandi arcate, soffitti voltati, pilastri in pietra definiscono un involucro di proporzioni rinascimentali dove ora trova sede uno showroom dedicato all’illuminazione, distribuito su tre livelli oltre a quello interrato del magazzino. Una leggera passerella che rievoca le tipiche “ringhiere” milanesi, permette il collegamento delle diverse quote consentendo di utilizzare tutti gli spazi esistenti per soddisfare le esigenze espositive, commerciali e amministrative. Il rispetto per le preesistenze si concretizza anche nella scelta di materiali coerenti: il pavimento in pietra Aurisina bocciardata del grande salone espositivo si accorda ai materiali litici ritrovati nel corso della ristrutturazione mentre la pavimentazione in legno di larice ribadisce il carattere ottocentesco dei locali ai piani superiori. Il progetto di allestimento vero e proprio non intacca figurativamente l’armonia carica di storia di questi ambienti pur adottando una soluzione di grande impatto scenografico: grandi solidi geometrici, come sculture sovradimensionate di colori contrastanti, sono elementi di forte richiamo anche attraverso le grandi aperture ad arco delle vetrine affacciate su via San Damiano.

 

Pubblicato in “Nuovi negozi in Italia 4”, a cura di S. San Pietro, Ed. L’Archivolto, Milano 1997

 

Lavori edili: Plinthos, Bonate Sotto (BG); opere da falegnameria: Perotta, Villastanza (MI); pavimenti in aurisina: Remuzzi, Bergamo; controsoffitti: Vima, Bornago (MI); impianti idraulici: EMG, Milano; impianti elettrici: Euroelettrica, Milano; vetrine: Metalvetrina, Milano; marmi: Remuzzi, Bergamo; sedie e tavole: Unifor, Turate (CO); arredi uffici: Lisar, Carbonate (CO); luci: Orlandi I Guzzini, Milano; sculture in legno verniciato: P. Cerri.