Edoardo Guazzoni Architetto | CORSO RESINA
architetto Edoardo Guazzoni, studio di architettura Milano, architetto Milano
15717
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-15717,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

CORSO RESINA

LUOGO E DATA

Ercolano (Napoli), 2007

CON

F. Mirarchi, P. Pirozzi, G. Scognamiglio, C. Troisi

COLLABORATORI

A. Lauria, F. Musa, M. Turati

Category
Progetti urbani

INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE DI CORSO RESINA

 

Il Progetto Definitivo per la sistemazione degli spazi pubblici di Corso Resina, nel tratto che parte dall’incrocio con via Roma per arrivare fino a ridosso dell’attuale ingresso agli scavi di Ercolano, è parte integrante di un più vasto programma di riqualificazione avviato dall’Amministrazione Comunale. In particolare rappresenta il completamento del progetto di riqualificazione del Corso Resina stesso, già oggetto di progettazione per il tratto Scavi Archeologici-Villa Favorita.

La strada è definita ai lati, dalla successione senza soluzione di continuità, delle cortine degli edifici storici, dai caratteri architettonici piuttosto omogenei; fanno eccezione alcune sostituzioni edilizie più recenti, di scarsa qualità e, di contro, le emergenze monumentali quali Villa Signorini, Palazzo Tarascona, il portico della chiesa di S. Severo (S. Agostino) e la chiesa di Santa Caterina, arretrata rispetto al filo stradale.

In alcuni punti la cortina edilizia si apre, in corrispondenza di traverse o cortili, con eccezionali scorci sul mare.

Il Corso Resina può conservare ancora un ruolo di baricentro rispetto alle dinamiche urbane e svolgere una funzione connettiva potenzialmente vivificante, anche perché lungo il suo percorso si registra una continuità di attività ai piani terra che, seppur in parte abbandonate, possono rappresentare il volano per la crescita economica e lo sviluppo della città.

Il progetto tende ad innescare un circuito virtuoso che incentivi l’inserimento di attività economiche sostenibili, la valorizzazione del patrimonio storico-artistico e culturale riconosciuto come patrimonio dell’umanità, l’innalzamento della qualità della vita, la diffusione e valorizzazione delle tradizioni, dello spirito e dell’identità del luogo.

Il carattere di omogeneità che il progetto intende conferire a tutta l’area si confronta con l’obiettivo di rendere evidenti i valori storico culturali e con la necessità di una particolare declinazione nella progettazione di ambiti specifici, individuati come “luoghi emergenti” particolarmente significativi, per i quali il progetto tiene conto delle relazioni geometriche e visive con gli edifici e con il paesaggio, sia naturale che storico-archeologico; il sistema di illuminazione, oltre a rispondere alle esigenze funzionali della strada carrabile, nel rispetto delle normative e delle problematiche relative all’inquinamento luminoso, tende a valorizzare in modo adeguato i luoghi e gli elementi che definiscono qualitativamente il Corso.